Ti trovi in:

La beata Meneghina » Amici della Meneghina

Amici della Meneghina

di Lunedì, 04 Marzo 2013 - Ultima modifica: Giovedì, 10 Dicembre 2015

L’Associazione è nata con un semplice "avviso sacro" riportato anche in lingua tedesca. L’avviso, affisso sulla porta delle chiese di Capriana, Carbonare ed Anterivo, era un appello a chiunque avesse interesse a riprendere la Causa di Beatificazione di Maria Domenica Lazzeri, a versare un’offerta sul C/C della locale Cassa Rurale, ancor oggi immutato. Ciò avrebbe dimostrato il personale coinvolgimento all’impegno assunto dall’Associazione. 

L’iniziativa ebbe un’immediata risposta tant’è, che a distanza di un anno, rincuorati da una base finanziaria, si poté redigere lo Statuto alla presenza del notaio Giovanni Rizzi - 29.12.1990 - e successivamente avere il riconoscimento giuridico d’Ente Morale - 18.12.1990 - Già nel passato si ebbe, da parte dei Capofamiglia di Capriana e di Anterivo, una raccolta di offerte con la medesima finalità, offerte che furono versate alla Curia di Trento. Era l’anno 1943 e non se ne fece nulla. Dato che fin dall’inizio, ogni movimento in denaro, fu regolarmente annotato su registro autorizzato, rimase abbastanza agevole trarne, anno per anno, l’entità delle entrate e delle uscite; con rammarico si chiede scusa di non averlo fatto prima. Si è pensato di chiudere il presente rendiconto in coincidenza con l’anno 2000, anno in cui la storia di Meneghina è andata a Roma, come se si trattasse di una storia della quale si è compiuta la prima parte.
Confidiamo nel vostro prezioso contributo, perché si compia altrettanto bene, anche la seconda.