Ti trovi in:

Home » Territorio

Capriana è oggi uno dei più piccoli Comuni della Valle di Fiemme. Con i suoi 607 abitanti, si trova all'estremità sud-occidentale della Val di Fiemme ai confini con la Valle di Cembra, adagiata su un pendio dal quale si gode un suggestivo panorama. 
Il paese ha un turismo giovane con ottime prospettive di proseguo.

luogo

Situata all’incrocio fra via Anterivo e via Frizza, “la caratteristica edicola sacra risalente alla seconda metà del secolo scorso, in muratura intonacata di forme geometriche semplici con ampia nicchia e cornice di coronamento, testimonianza della devozione popolare che volle erigerla a ricordo dello scampato pericolo per l’epidemia di colera del 1836” è un bene meritevole di tutela ai sensi dell’art. 4 della legge 01-06-1939 nr.1089, viste le sue caratteristiche di interesse storico artistico, riconosciute dalla Commissione Beni Culturali in data 20 agosto 1997.


luogo

Dal 1973, su una parete esterna è affissa una stele in suo ricordo.


luogo

Pittoresca piccola chiesa nella frazione di Carbonare.

luogo

dedicata a S.Bartolomeo e S.Lazzaro, consacrata nel 1216, devastata da un primo incendio nel 1758, e da un secondo il 3 agosto del 1861. Venne ricostruita più grande e a tre navate, nel 1865. La Pala dell'altare maggiore, rappresenta la Resurrezione di Lazzaro, ed è una pregevole opera di un pittore anonimo, copia di una ben più importante di Sebastiano Del Piombo conservata alla National Gallery di Londra.  

luogo

I ruderi del mulino (1700) si trovano nella Valle del Rio Bianco, fra Capriana e Carbonare. Era il luogo dove il padre, la madre, i fratelli di Maria Domenica Lazzeri, detta Meneghina, lavoravano e dove lei stessa prestò il suo aiuto fino al momento della sua misteriosa malattia.

luogo

Intitolata "La Mugnaia". Opera dell'artista Andrea Martini (padre francescano). Collocata all'entrata del paese nel 150° della sua morte, commissionata dall'Associazione “Amici della Meneghina", e pagata dai paesani residenti e non residenti, da coloro che da lei hanno ricevuto "una grazia", e dall'Amministrazione Comunale.

luogo

Il tempietto eretto nel cimitero nel 1912, per volere della popolazione, contiene fra l'altro la lapide incisa della sua prima tomba, esumata nel 1870 e nel 1944.